Biblioteca Comunale Chelliana - Grosseto
Foto della Biblioteca Chelliana
Biblioteca Chelliana
piazza Carlo Cavalieri, 9
tel. 0564.456244
fax 0564.451646
cerca nel sito:

Informazioni - Archivio notizie

Sabato 14 marzo con inizio alle ore 16, nell’Aula Magna del Polo Universitario Grossetano (via Ginori) si svolgerà il convegno 

La raccolta dei dati dal periodo rupestre al database

organizzato  dal Corso di laurea in Conservazione, Gestione e Comunicazione dei Beni Archeologici (Presidente Lucia Sarti) dell’Università degli Studi di Siena (sede di Grosseto)  e dall’Assessorato alla Cultura  del Comune di Grosseto.
         

Presenterà  l’evento,  Vanna Francesca Bertoncelli, lo psicologo ideatore e curatore del progetto Memoria e Identità a Grosseto, giunto ormai  alla IV edizione.

L’evento in programmazione,  affronta alcuni fattori inerenti alla raccolta dei dati sia a livello individuale che collettivo.  Si pensi ai meccanismi della memoria e della costruzione dell’identità personale e a che cosa significhi perdere la memoria; il non avere coscienza della propria identità, del proprio Sé.
La raccolta dei dati è venuta ad assumere, nei secoli, forme e significati diversi. Nell’Antico Testamento in Genesi 1,1-25 il nominare, inteso nel senso di dare il nome, è l’equivalente del dare la vita,  con la conseguente possibilità di individuare con chiarezza gli oggetti del proprio potere nominandoli, ordinandoli, classificandoli.  Si pensi all’immagine, al segno come sostitutivo di un elemento reale (es. ideogramma). E l’annotare non come un’ astrazione ma come un processo riconducibile ad una realtà nota, conosciuta. Una cultura della “raccolta dati”
legata dapprima agli oggetti del vivere quotidiano come il  conoscere il numero delle prede uccise  durante la caccia;  i capi di bestiame posseduti; il numero di anfore contenenti olio, grano, vino, frutta secca stivati nelle navi; ecc. e, successivamente, ad una dimensione sociale.


Introdurrà i lavori, Lucia Matergi,  Assessore alla Cultura del Comune di Grosseto.
Seguiranno gli interventi di   Sandro  Nannini del Dipartimento di Filosofia e Scienze Sociali  (Univ. di Siena) che parlerà di memoria e identità personale, dei meccanismi della memoria e della costruzione dell’Io. Pier Luigi Bonucci  (Grosseto)  illustrerà la trasformazione della raccolta dei dati con  il passaggio, che possiamo definire epocale, dal cartaceo al digitale. Mario Lentano del Dipartimento di Studi Classici (Univ. di Siena) affronterà il tema dell’archiviazione dei dati nel mondo classico e Fiorenza Gemini, direttore dell’Archivio di Stato di Grosseto, presenterà l’archivio pubblico come il luogo della memoria  collettiva. Concluderà i lavori Giuseppe Pucci del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti (Univ. di Siena) affrontando, dal punto di   vista dell’archeologo, l’argomento della memoria  nell’antica Roma.

Torna all'archivio notizie

© Biblioteca Chelliana Grosseto | Crediti e disclaimer | Redazione | Accessibilità
Data di pubblicazione: 18 gennaio 2007
Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2009

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!